Io

Ho quarant’anni passati. Sono un bell’uomo, non tanto alto, ma con il fisico in ordine, intelligente, persino colto. Voglio essere sottomesso, scopato, sputato, insultato. Ho iniziato questo blog per raccontare il non molto che sono riuscito ad avere fino a qui. Purtroppo per me è tutto più complicato di quanto lasciano intendere i profili di altri slave che incrocio in rete. Di persona non mi sono mai confrontato con nessuno di loro, e magari mi piacerebbe anche. In fondo nemmeno con i master, come vedrete dalle esperienze che racconto. Sono una persona seria, se riesco a fidarmi di qualcuno certo non lo prendo in giro. So cosa voglio, so anche che non è semplice per me passare all’azione.

12 thoughts on “Io

  1. Anonimo ha detto:

    Grande coraggio nel raccontarsi…..

  2. Anonimo ha detto:

    L’accuratezza con la quale ammimistra il suo blog rivela una persona di cultura. Io mi sto interessando, per ragioni professionali, al fenomeno del bareback sex. Secondo lei questo fenomeno è molto diffuso in Italia? E lei che e pensa?

    • sottomess0 ha detto:

      Possiamo passare al tu? Non ho nessuna conoscenza dell’ambiente BB, se esiste (cosa di cui non sono certo). Ho la sensazione – che potrebbe essere solo una speranza – che sia molto meno diffuso di quanto i film porno lascino sospettare ;-).

      • Anonimo ha detto:

        Grazie della risposta. Temo di doverti contraddire sul Bb. Esiste su questo argomento una bibliografia notevolissima. Anch’io sto raccogliendo materiali per un saggio che forse scriverò. Condivido la tua passione per gli albanesi. Penso che siano intrinsecamente inibiti da una cultura maschilsta e violenta, ma quelli che i lasciano andare rendono molto… Cari saluti e continua a scrivere!

  3. Anonimo ha detto:

    Rileggo a distanza di tempo il suo blog. Dalla scrittura deduco il suo livello culturale (uno stle giornalistico, da liceo scientifico direi, forse meno). Ma la qualità dei post descresce col tempo, di ciò che scrive forse non è più convinto neppure lei. Forse dovrebbe passare ad esperienze reali (foucault docet) o andare in terapia… Con φιλία

    • sottomess0 ha detto:

      Visto che mi eccitano insulti e umiliazioni, dovrei solo godermi il suo commento ;-), che però non è abbastanza rough. Mi incuriosisce sapere da dove deduce con tanta precisione il mio grado di istruzione

  4. Anonimo ha detto:

    Semplice. Ho insegnato diversi anni alle superiori (italiano e latino) prima di finire in università, con un incarico da associato, senza alcuna speranza di passare in prima fascia. Non volevo essere rough, semplicemente le segnalavo una caduta di ispirazione e una scrittura che difetta di originalità (seppure corretta). L’ho letta comunque con simpatia ☺️

  5. Anonimo ha detto:

    Vedo che ha ripreso a scrivere. Non si fermi a queste brevi raccontini. Si butti in qualche storia più articolata. Legga Tiresia di Jouhandeau, o Dustan (in francese)…

    • sottomess0 ha detto:

      Grazie dei consigli ma trovo molto noiosa la letteratura erotica e imbarazzante quella pornografica, anche se prodotta da ottimi scrittori. E’ una delle cose che mi frena nel blog: perché scrivere cose che non si avrebbe voglia di leggere? Ha poi scritto sul BB?

      • Anonimo ha detto:

        Ah ah no! Alla fine la cosa non mi ha più interessato granché, anche perché da oltre un anno sto lavorando a una traduzione delle Noctes Atticae di Gellio. Tutto è partito da alcune esercitazioni per studenti, alla fine ho deciso di cimentarmi in questo lavoro. Sono vicino alla pensione, e il mio mondo (cinema a luci rosse, bar di periferia) è svanito da tempo. Le città sono sempre più tristi e pericolose: vivo serenamente nel ricordo dei bei tempi passati… Un “amico” albanese viene ogni tanto a trovarmi ma non mi piace più come un tempo. Lei come sta?

      • Anonimo ha detto:

        Vado ogni tanto a Genova. Di tutte le città nelle quali ho vissuto, per breve o lungo tempo (Palermo, Napoli), è l’unica che mi sia rimasta nel cuore. Ho detto a un mio studente che viene da lì: -Tornerei a Genova, dopo la pensione. E questi: – È la sua città del cuore?
        Forse, ho risposto. E questi, di rimando, molto saggiamente: – Ci vada ogni tanto, non è troppo lontana, avrà sempre un sogno nel quale rifugiarsi. Se ci andasse oggi finirebbe per rendersi conto che non è come pensava.
        Che risposta garbata e intelligente da un uomo di poco più di vent’anni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: